La sindrome di Diablo III

Discussione Generale
Prec 1 4 5 6 13 Successivo
06/09/2012 11:31Pubblicato da Giovax87
se poi la gente non conosce i prezzi e ci perdee... colpa sua che non si è informata

Mentalità italiana. Se sei ignorante è colpa tua e devi anche subire perchè lo sei. Poi quando l'ignorante sei te (perchè dubito tu sia a conoscenza di ogni cosa) voglio vedere se gradirai tale trattamento.


io se sbaglio qualcosa perché commetto un errore, me la prendo con me stesso e stop (comprare un oggetto a un prezzo spropositato è un errore mio, basta non comprarlo per un po di giorni, il venditore/compratore se lo prende in quel posto

la legge non ammette ignoranza, o mi sbaglio?
06/09/2012 11:31Pubblicato da Giovax87
se poi la gente non conosce i prezzi e ci perdee... colpa sua che non si è informata

Mentalità italiana. Se sei ignorante è colpa tua e devi anche subire perchè lo sei. Poi quando l'ignorante sei te (perchè dubito tu sia a conoscenza di ogni cosa) voglio vedere se gradirai tale trattamento.

Senza offesa, ma ci sono tutti i mezzi che vuoi per informarti, la AH prima di tutto dove poter confrontare il tuo item con altri, i forum ufficiali e non, la chat del gioco, Teamspeak se lo hai dove ci sono tutti i giocatori.
Ne non ti informi o sei pigro o non te ne frega nulla.
Vi pongo io la domanda, perchè devo pagare io per la pigrizia degli altri?
Se non ci fossero stati i mezzi di informazione capirei, mi darebbe anche fastidio..ma ci sono tanti metodi per avere una valutazione, senza contare che il prezzo è SOGGETTIVO e non esistono regolamentazioni.
Per chi insinua che sono un criminale, guardate la mia proposta:

http://www.diablo3fans.it/forum/discussioni-generali/7623-problema-di-valutazione-items-ah-e-suggerimenti-per-il-miglioramento.html

Io faccio questa cosa MOLTO SALTUARIAMENTE, preferisco giocare. Sono qua a dare la mia opinione e NON CI trovo nulla di male.
Ripeto per l'ennesima volta, abbiamo i mezzi per valutare un oggetto e l'ignoranza non è una scusa.
06/09/2012 11:44Pubblicato da McSnake1985
Ripeto per l'ennesima volta, abbiamo i mezzi per valutare un oggetto e l'ignoranza non è una scusa.


Sagge parole ^^ mi propongo io per dare valutazioni agli oggetti per l'asta Hardcore, se qualcuno volesse avere un idea del pezzo mi chieda pure
06/09/2012 02:02Pubblicato da Gantz
io non lo faccio perchè sono una persona corretta, e penso che il franchise di diablo si basi su ben altro che sullo stare fissi su una finestra a giocare coi prezzi. IO gioco da D1 e seguo quello che era il vero modo di giocarlo: findare e tradare, senza scammare nessuno, MAI, e senza approfittare degli altri, una cosa che anche nella vita vera dovresti imparare per ritenerti una persona CIVILE

Gantz, hai ragione su tutto.
Ricordati però che siamo in Italia, dove fregare il prossimo è "furbizia" e chi paga le tasse è un fesso.
Senza offesa, ma ci sono tutti i mezzi che vuoi per informarti, la AH prima di tutto dove poter confrontare il tuo item con altri, i forum ufficiali e non, la chat del gioco, Teamspeak se lo hai dove ci sono tutti i giocatori.
Ne non ti informi o sei pigro o non te ne frega nulla.

Ma siete in malafede o vi manca qualche rotella?
Ripeto che non si tratta dell'item endgame messo a 10K che giustamente uno prende e rimette a 200M ma di un sistema complessivo volto all'aumentare i prezzi di tutto gradualmente e indefinitamente. Quelli comprano a 20M e rivendono a 22, a catena, e aumentano così i prezzi di tutto.
Svegliatevi italioti
06/09/2012 12:01Pubblicato da Admant
Ricordati però che siamo in Italia, dove fregare il prossimo è "furbizia"


Precisiamo, questo NON è "fregare il prossimo"

Tu tecnicamente non stai fregando proprio nessuno essendo l'asta anonima; e poi chi ci dice che il creatore dell'asta non abbia messo un prezzo basso appositamente?

Fregare il prossimo è scammare o fare il PK; questa io la definirei più "trarre profitto da valutazioni errate"
06/09/2012 12:07Pubblicato da Admant
Quelli comprano a 20M e rivendono a 22


Lol e il guadagno? anzi ci perdi! compri a 20kk e ne riguadagni 19kk per colpa delle tasse :)

Minimo l'aumento da prezzo a prezzo deve essere il 20% sennò ci perdi e basta
06/09/2012 12:11Pubblicato da Mahesys
Lol e il guadagno? anzi ci perdi! compri a 20kk e ne riguadagni 19kk per colpa delle tasse :)

Calcolate le tasse ovviamente, dai sù
Senza offesa, ma ci sono tutti i mezzi che vuoi per informarti, la AH prima di tutto dove poter confrontare il tuo item con altri, i forum ufficiali e non, la chat del gioco, Teamspeak se lo hai dove ci sono tutti i giocatori.
Ne non ti informi o sei pigro o non te ne frega nulla.

Ma siete in malafede o vi manca qualche rotella?
Ripeto che non si tratta dell'item endgame messo a 10K che giustamente uno prende e rimette a 200M ma di un sistema complessivo volto all'aumentare i prezzi di tutto gradualmente e indefinitamente. Quelli comprano a 20M e rivendono a 22, a catena, e aumentano così i prezzi di tutto.
Svegliatevi italioti

Ah certo..allora parliamo di cose differenti..
Se conpro 100 endgame (ammesso ci siano) a 10k e li rivendo a 200M l'uno,non faccio aumentare il prezzo ed è corretto...giusto? (O.O)
Se invece compro 100 pezzi da 20M e li rivendo a 22M è tutto sbagliato...
06/09/2012 12:13Pubblicato da McSnake1985
Se conpro 100 endgame (ammesso ci siano) a 10k e li rivendo a 200M l'uno,non faccio aumentare il prezzo ed è corretto...giusto? (O.O)

Questo non succederà mai

06/09/2012 12:13Pubblicato da McSnake1985
Se invece compro 100 pezzi da 20M e li rivendo a 22M è tutto sbagliato...

Questo succede ogni secondo, anche in questo momento.
Sveglimoci, italioti.
06/09/2012 11:38Pubblicato da Mahesys
In ogni caso non costa nulla chiedere a qualcuno il valore ipotetico di un oggetto


Tu dici?

http://eu.battle.net/d3/it/forum/topic/5207751538
06/09/2012 11:38Pubblicato da Mahesys
In ogni caso non costa nulla chiedere a qualcuno il valore ipotetico di un oggetto; anche se ho beccato gente in chat generale che mi ha valutato pezzi da 5kk solo 50k giusto per il gusto di fregare il prossimo -.-


Bene quindi mi dici che se uno chiede la valutazione di un pezzo io devo fidarmi di quello che mi dicono perché sono tutti onesti??
Quindi il riassunto è che: se uno fa il furbo sull'ignoranza di un giocatore tramite l'asta è corretto, ma se in game chiedo una valutazione di un prezzo troverò tutta gente onesta che in nessun caso cercherà di fregarmi.
Ma ci pensi quando scrivi o scrivi in automatico?

06/09/2012 11:39Pubblicato da Artax
io se sbaglio qualcosa perché commetto un errore


Ahahah ma quanti anni hai? Io non parlo di essere ignoranti nel gioco ma nella vita reale. Non mi pare che te vada a pagare 3000 euro di ticket all'ospedale per farti mettere un gesso eppure quello che te lo mette ha studiato ben 10 anni e potrebbe benissimo fregarti sulla tua ignoranza in qualunque momento!
06/09/2012 12:14Pubblicato da Admant
Se conpro 100 endgame (ammesso ci siano) a 10k e li rivendo a 200M l'uno,non faccio aumentare il prezzo ed è corretto...giusto? (O.O)

Questo non succederà mai

Se invece compro 100 pezzi da 20M e li rivendo a 22M è tutto sbagliato...

Questo succede ogni secondo, anche in questo momento.
Sveglimoci, italioti.


Anche a te, prima di tutto risparmiati certe parole, è la seconda volta.

Quindi, ti stai lamentando dei prezzi alla fine, non del sistema?E qui che volevo arrivare, come puoi notare dal mio thread nel forum fansite alla GENTE NON FREGA NULLA di avere una valutazione precisa di un item con l'aiuto della communità, NON VOGLIONO essere informati e non frega nulla a nessuno.
Quel sistema è determita soggettivamente da ogni singola persona, come prima cosa non sei obbligato a comprare sia in GAH sia in RMAH. Fai come fanno molti: farmi e usi quello che trovi.
Se io compro un oggetto a 20M e lo rivendo a 22M, come prima cosa devo vedere se ci riesco. Se ci riesco vuol dire che qualcuno ha valutato quell'item 22M e secondo lui il prezzo è corretto. Poi magari ho sbagliato anchio, quell'Item ne valeva effettivamente 25M.
Tu sei in grado di valutare quanto vale un item secondo te? rispondo io per te: NO non sei in grado.
Perchè? Perchè il valore è strettamente soggettivo. Se io non farò mai in vita mia un DH, per me le balestre valgono 0...Una Coda di Manticora che magari vale 100M per me non vale 1k e non la comprerò mai.
Questo concetto è comunque sbagliato, perchè conta il prezzo di mercato, ma ci sono persone che giocano per PURO divertimento e se ne fregano del mercato...Ci sono anche persone che non hanno mai dato uno sguardo nell'AH.

In ogni caso voi state spingendo sulla moralità, non sul regolamento ed è inutile continuare.
Poi rimango scioccato da chi protegge gli scammers e invece manda alla gogna chi vuole powersellare per 1-2M extra. Vi rendete conto della cosa?è ridicola.
Precisiamo, questo NON è "fregare il prossimo"

Tu tecnicamente non stai fregando proprio nessuno essendo l'asta anonima


I. ANONIMO

Questo passo è oscuro e non poco :) Che l'asta sia anonima è vero, ma è sempre qualcuno a comprare, il fatto che ti venga recapitato a casa un pacco che hai ordinato su ebay (ipotizziamo per assurdo da un utente anonimo) non toglie che tu sia stato imbrogliato o comunque raggirato raggirato. L'assenza del nome non fa mica scomparire le persone, che discorso è?

II. ONESTA' E COLPE

La parte più stucchevole è che si cerca di dare la colpa alle persone magari poco informate o ingenue o esasperate dal non droppare nulla, invece di darla a chi specula; insomma è come tentare di accusare l'azteco e non il conquisatdores o la donna stuprata perché aveva la gonna troppo corta, oppure la signora che si è vista fregare la bicicletta lasciata incustodita per un solo minuto davanti alla panetteria. Siate seri.

I. RIELABORAZIONE

C'è qualcuno che ha paragonato il flipping ad un oggetto qualsiasi rivenduto: tuttavia l'oggetto passa di mano in mano e aumenta di prezzo, peccato che se passa dal contadino all'azienda viene RIELABORATO per ottenre un prodotto finito (che ne so dal cotone otteniamo una camicia) e poi passa alla catena di distribuzione che te lo porta SOTTO CASA; ogni step fornisce un "aggiunta" al pacchetto. Tu invece lo lasci nello stesso posto (l'asta) non appartando alcuna modifica: insomma nessuno trae giovamento dal tuo comportamento se non te stesso.



Tu non stai fornendo nulla di nuovo: vendi il medesimo item, senza alcun vantaggio apportato.
06/09/2012 12:24Pubblicato da Giovax87
In ogni caso non costa nulla chiedere a qualcuno il valore ipotetico di un oggetto; anche se ho beccato gente in chat generale che mi ha valutato pezzi da 5kk solo 50k giusto per il gusto di fregare il prossimo -.-


Bene quindi mi dici che se uno chiede la valutazione di un pezzo io devo fidarmi di quello che mi dicono perché sono tutti onesti??
Quindi il riassunto è che: se uno fa il furbo sull'ignoranza di un giocatore tramite l'asta è corretto, ma se in game chiedo una valutazione di un prezzo troverò tutta gente onesta che in nessun caso cercherà di fregarmi.
Ma ci pensi quando scrivi o scrivi in automatico?

Con questo ti sei autorisposto.
Perchè non fidarti di altre persone?
perchè ognuno dà la sua valutazione perchè ognuno ha le sue opinioni, nel bene e nel male.
Perchè succede questo?
perchè non esistono valori prestabiliti, il valore è soggettivo. Un'arma da 3 dps potrebbe vale 100M per uno e 100g per un'altro. Viceversa per gli item grossi.
Questo è perchè c'è un libero mercato.
Cosa vogliamo fare quindi?proposte?
Precisiamo, questo NON è "fregare il prossimo"

Tu tecnicamente non stai fregando proprio nessuno essendo l'asta anonima


I. ANONIMO

Questo passo è oscuro e non poco :) Che l'asta sia anonima è vero, ma è sempre qualcuno a comprare, il fatto che ti venga recapitato a casa un pacco che hai ordinato su ebay (ipotizziamo per assurdo da un utente anonimo) non toglie che tu sia stato imbrogliato o comunque raggirato raggirato. L'assenza del nome non fa mica scomparire le persone, che discorso è?

II. ONESTA' E COLPE

La parte più stucchevole è che si cerca di dare la colpa alle persone magari poco informate o ingenue o esasperate dal non droppare nulla, invece di darla a chi specula; insomma è come tentare di accusare l'azteco e non il conquisatdores o la donna stuprata perché aveva la gonna troppo corta, oppure la signora che si è vista fregare la bicicletta lasciata incustodita per un solo minuto davanti alla panetteria. Siate seri.

I. RIELABORAZIONE

C'è qualcuno che ha paragonato il flipping ad un oggetto qualsiasi rivenduto: tuttavia l'oggetto passa di mano in mano e aumenta di prezzo, peccato che se passa dal contadino all'azienda viene RIELABORATO per ottenre un prodotto finito (che ne so dal cotone otteniamo una camicia) e poi passa alla catena di distribuzione che te lo porta SOTTO CASA; ogni step fornisce un "aggiunta" al pacchetto. Tu invece lo lasci nello stesso posto (l'asta) non appartando alcuna modifica: insomma nessuno trae giovamento dal tuo comportamento se non te stesso.



Tu non stai fornendo nulla di nuovo: vendi il medesimo item, senza alcun vantaggio apportato.

Il problema è che voi potete fare esempi con il mondo esterno, io non posso...Come facciamo quindi?
Lascia perdere il topic un attimo e rispondimi:
Parcheggio in un parcheggio per Disabili. Vengono i vigili e mi mettono la multa,rimozione o quello che è. Io vado e protesto perchè non conoscevo quel simbolo e pretendo di aver ragione. Mi dovevano informare.
Ho ragione o torto?
Vorrei fare un invito a moderare i toni e ad evitare attacchi diretti e personali; la discussione è interessante e credo potrebbe essere proficua, se non in termini di cambiamento di alcune meccaniche del gioco, quantomeno dal punto di vista intellettuale se riusciamo a portarla avanti senza degenerare.
Tornando all'argomento della discussione, credo che parte del problema sia come il singolo individuo ritiene debba essere l'asta e in generale l'economia del gioco.
Diciamo che esistono due posizioni, permettetemi di chiamarle liberista e garantista.
Per i liberisti le regole sono un giogo ingiustificato che limiterebbe la possibilità di trarre beneficio economico dall'asta per quei giocatori più abili economicamente.
Per i garantisti, l'assenza di regole nella situazione attuale porta pochi utenti a monopolizzare il mercato rendendo di fatto l'asta inutilizzabile per il giocatore medio.
Io sono garantista pertanto cercherò di chiarire quelle che a mio parere sono le motivazioni che rendono tale atteggiamento preferibile.

Lecito non significa Giusto
Una delle obiezioni mosse dai liberisti è che le tecniche di guadagno criticate in realtà non violano nessuna regola. Come dare torto a questa affermazione?
In realtà il punto è tutto ciò che è lecito è anche giusto? L'esperienza di dice che non è così: spesso leggi e regolamenti vengono cambiati proprio perché si dimostrano, ai dati dei fatti, dannosi o semplicemente perché non rispecchiano più i "costumi". In questo gioco molti cambiamenti sono stati fatti con impatti sull'economia (cito come semplice esempio le modifiche relative al fabbro e al gioielliere).
A onor del vero va anche sottolineato che il concetto di giustizia è soggettivo: per i liberisti è sacrosanto che chi è più abile nel commercio possa trarre profitto dalle sue abilità.
Come uscire da questo impasse?

Il fine
Un modo per decidere come dosare la libertà potrebbe essere quello di porsi come domanda: quali sono le conseguenze di una mancanza di regole?
Ad oggi è mia convinzione che i prezzi dell'asta siano definiti da un monopolio di fatto, pochi giocatori che in modi più o meno leciti sono arrivati ad avere fondi sufficienti per innescare il circolo vizioso che ha causato la situazione attuale.
Il giocatore medio si trova a non poter usare l'asta, non per sua scelta e non per eccesso di "ignoranza" in senso lato, ma per la situazione che si è venuta a creare.
In definitiva l'asta c'è, ma non viene utilizzata se non da una piccola parte di utenti e questo credo sia un danno per la maggior parte dei giocatori.

Conclusioni
L'asta, a mio parere, è un'ottima funzionalità e sarebbe un vero peccato non poterla usare, è vero sono libero di non usarla, ma vorrei in pari modo essere libero di utilizzarla.
Per questo motivo credo che sia auspicabile l'introduzione di meccaniche che tutelino l'asta per come è stata pensata originariamente senza limitare eccessivamente la libertà all'utente economicamente scaltro di sfruttare quelle due o tre occasioni che gli possono capitare.
Perché come ho cercato di spiegare il problema non credo sia dato da qualche transazione, ma dal meccanismo innescato da pochi "monopolisti".

Grazie per la pazienza a chi è arrivato a leggere fino a qui.
Andrea.
A mio modesto parere l'intervallo temporale mi piace, in più aggiungerei un controllo sul fatto che sia stato equipaggiato o meno.
Poi la blizzy potrebbe implementare un report che segnali gli utenti che vendono più cose MAI indossate ed acquistate all'asta.
Vorrei fare un invito a moderare i toni e ad evitare attacchi diretti e personali; la discussione è interessante e credo potrebbe essere proficua, se non in termini di cambiamento di alcune meccaniche del gioco, quantomeno dal punto di vista intellettuale se riusciamo a portarla avanti senza degenerare.
Tornando all'argomento della discussione, credo che parte del problema sia come il singolo individuo ritiene debba essere l'asta e in generale l'economia del gioco.
Diciamo che esistono due posizioni, permettetemi di chiamarle liberista e garantista.
Per i liberisti le regole sono un giogo ingiustificato che limiterebbe la possibilità di trarre beneficio economico dall'asta per quei giocatori più abili economicamente.
Per i garantisti, l'assenza di regole nella situazione attuale porta pochi utenti a monopolizzare il mercato rendendo di fatto l'asta inutilizzabile per il giocatore medio.
Io sono garantista pertanto cercherò di chiarire quelle che a mio parere sono le motivazioni che rendono tale atteggiamento preferibile.

Lecito non significa Giusto
Una delle obiezioni mosse dai liberisti è che le tecniche di guadagno criticate in realtà non violano nessuna regola. Come dare torto a questa affermazione?
In realtà il punto è tutto ciò che è lecito è anche giusto? L'esperienza di dice che non è così: spesso leggi e regolamenti vengono cambiati proprio perché si dimostrano, ai dati dei fatti, dannosi o semplicemente perché non rispecchiano più i "costumi". In questo gioco molti cambiamenti sono stati fatti con impatti sull'economia (cito come semplice esempio le modifiche relative al fabbro e al gioielliere).
A onor del vero va anche sottolineato che il concetto di giustizia è soggettivo: per i liberisti è sacrosanto che chi è più abile nel commercio possa trarre profitto dalle sue abilità.
Come uscire da questo impasse?

Il fine
Un modo per decidere come dosare la libertà potrebbe essere quello di porsi come domanda: quali sono le conseguenze di una mancanza di regole?
Ad oggi è mia convinzione che i prezzi dell'asta siano definiti da un monopolio di fatto, pochi giocatori che in modi più o meno leciti sono arrivati ad avere fondi sufficienti per innescare il circolo vizioso che ha causato la situazione attuale.
Il giocatore medio si trova a non poter usare l'asta, non per sua scelta e non per eccesso di "ignoranza" in senso lato, ma per la situazione che si è venuta a creare.
In definitiva l'asta c'è, ma non viene utilizzata se non da una piccola parte di utenti e questo credo sia un danno per la maggior parte dei giocatori.

Conclusioni
L'asta, a mio parere, è un'ottima funzionalità e sarebbe un vero peccato non poterla usare, è vero sono libero di non usarla, ma vorrei in pari modo essere libero di utilizzarla.
Per questo motivo credo che sia auspicabile l'introduzione di meccaniche che tutelino l'asta per come è stata pensata originariamente senza limitare eccessivamente la libertà all'utente economicamente scaltro di sfruttare quelle due o tre occasioni che gli possono capitare.
Perché come ho cercato di spiegare il problema non credo sia dato da qualche transazione, ma dal meccanismo innescato da pochi "monopolisti".

Grazie per la pazienza a chi è arrivato a leggere fino a qui.
Andrea.

Questo dimostra come si possono esprimere le proprie idee e argomentazioni in modo civile e senza attacco personale, per questo hai la mia stima.

La differenza di idee comunque purtroppo resta.
Parliamo di Lecito non significa Giusto. Come posso darti torto, si tratta di moralità in find dei conti, anche se una cosa è lecita non è automaticamente giusta. Ma come fai a decidere se una cosa lo è o meno con determinati parametri?
Andiamo nel dettaglio.
Si parte del presupposto che esiste un'AH. Nell''AH i giocatori mettono i loro "beni" non necessari in vendita e il prezzo viene stabilito in autonomo.
Qui nasce il concetto di domanda e offerta per stabilire un prezzo di partenza.
Alcuni prezzi sono facilissimi da stabilire, alcuni meno, prendiamo le gemme:
Le quadrate pure costano mediamente tutte sui 500/700 oro mentre gli smeraldi costano 8000 perchè la domanda degli smeraldi è salita. Il prezzo qua è deciso dalla domanda e dall'offerta con il tempo ed è accettato da tutti.
Con un singolo item questo concetto è differente. Ogni item (salvo rari casi) ha statistiche differenti ed è quasi "unico" quindi non esistono parametri o limiti e ogni giocatore assegna un valore. Quel valore può essere assegnato in maniera casuale o seguendo logiche ben precise: domanda & offerta, potenza ecc.
Per quanto una persona si possa sforzare ricadiamo nello stesso problema: si tratta di una valutazione soggettiva e in ogni caso esistono mezzi di informazione per risalire ad un prezzo medio o accettabile che non sarà mai corretto.
la differenza di statistiche genera questo.
Adesso ci ritroviamo di fronte a un problema:
C'è chi sostiene che comprare un oggetto a X e venderlo a 2X sia scorretto,ma in base a cosa si và a giudicare questo?
Il valore lo ho detto prima è soggettivo, quindi per una persona può valere tanto, per un'altro poco e per altri nulla.
Se io ritengo che in asta c'è un oggetto che vale 10000 che potrebbe valerne 100000 non vedo dove sta il problema se lo compro e lo rivendo ad un valore che secondo me è più corretto. Qui entra il profitto.
Mi hanno dato del criminale per una cosa del genere, mi merito tutto ciò sapendo che non ho fatto nulla di male o contro le regole ed ho solo dato un mio valore soggettivo ad un oggetto? e và bene andiamo oltre.
Lecito non è giusto, ma nemmeno lo scam è giusto. Dovrebbe essere punito e spero lo sia in futuro, ma per ora è legale.
Quello che ho trovato leggendo alcuni commenti qua e che le persone se ne fregano dello scam che è letteralmente "rubare" con l'inganno e la truffa a danni di altre persone mentre si mette alla gogna (mi piace questo termine) chi invece "rivaluta" gli oggetti.
In fin dei conti parliamo di "rivalutazione".

Quello che io sto chiedento dall'inizio è come si fà a valutare un oggetto in modo oggettivo?
Ho messo il link sul forum fansite con una soluzione, risultato: non interessa a nessuno.

Ora le persone pretendono di farmi sentire in colpa se compro a X e vendo a 2X perchè secondo un loro metro di valutazione, che ancora non è stato definito, è scorretto, è speculazione.
Se volete la mia opinione, secondo me si possono aprire milioni di 3d sull'argomento ma non verrà mai implementata una soluzione. Perchè?
perchè da che mondo è mondo questo sistema è sempre esistito nei gdr. Alcuni che sono più informati e conoscono meglio i prezzi riescono a trarre profitti in questo modo, altri no.
Già che ci siamo, Facciamo chiudere Wall Street, il sistema è identico.
il problema è reale ma le tue sono solo supposizioni. io ho droppato skorn e coda della manticora (2 end-game) ad esempio nell'arco di un giorno....

Unisciti alla conversazione

Torna al forum