[Spoiler] Chi odia la trama di Diablo 3?

Storia e personaggi
Avevo provato a scrivere un threed che analizzasse tutto quello che il gioco avesse da offrire per la narrazione...ma il tempo non me l'ha concesso e comunque non credevo seriamente che qualcuno potesse leggerlo per intero...riassumo tutte le mie seghe mentali in questo enorme blocco di testo.
Spero non sia troppo e riusciate a capirmi. :D

La trama di Diablo 3 la boccio in pieno.
Le ragioni sono vaste. Narrazione e tempi sbagliati (avrebbe aiutato un atto in più), mancanza di intrecci secondari (Avrebbero aiutato gli eventi casuali) e pretesti assurdi e lasciati senza spiegazioni (Pietra Nera delle anime, con dentro i Sette), sono i maggiori colpevoli. Andando però nel dettaglio, emergono:

1- I colpi di scena: andavano evitati o regolati; si doveva tener conto del fatto che il gioco sarebbe stato giocato più volte e a lungo e, che questi elementi narrativi potessero rovinare la storia se non utilizzati egreggiamente o inserito nei giusti momenti(esempio, l'unico colpo di scena di D2 è alla fine dell'atto IV).
Il primo della mia lista è quello di Tyrael/cometa. Giocando continuamente si preferisce sapere che stiamo combattendo il male e non a riparare i danni di un gesto d'orgoglio di qualcuno che dovrebbe poi diventare nostro amico.
Pure la trasformazione di Leah in Diablo: era qualcosa così evidente (persino nel marcheting stesso), che avrei evitato di porlo come colpo di scena principale gestendo la narrazione in altro modo.

2- I personaggi
Molti ruoli dei personaggi sono stati forzati o imposti, ma Tyrael è quello che meglio rappresenta la situazione. Finora, lo abbiamo conosciuto come un arcangelo le cui ragioni e pensieri sono sempre stati distanti da noi. Rendendolo umano, affiancarlo a noi come nostro amico e trasformarlo in eroe dei due mondi alla fine, è stato enormemente pretestuoso. Quest'ultima cosa diventa poi sgradevole sapendo che la maggior parte del lavoro lo facciamo noi. Le parti in cui lo vediamo combattere o lavorare attivamente sono tre/quattro...e non conto atto III perchè di fatto sta fermo a non far nulla, il suo lavoro è solo accennato dai dialoghi.
Io sinceramente avrei preferito mantenere le distanze miticizzando il personaggio. Il volto lo avrei mostrato solo all'ultimo, tanto per accontentare i fan (per inteso non sono contrario alla forma scelta e alla sua somiglianza con il palladino di D2).

3- Atmosfera:
Doveva essere più studiata sul cupo. Sia chiaro non mi piace il monogrigio.
Grim Dawn non ha un impostazione che mi piace, ma se andate a vedere, sceglie dei colori che su Diablo sarebbero stati perfetti, una scelta di colori e illuminazione azzeccata per il mondo di Sanctuarium.
Per il resto molte ambientazioni mi piaciono. Il famigerato arcobaleno delle Terre Alte sarebbe stato figo, se lo si fosse visto all'uscita di un dungeon più "opprimente".
Per la musica, invece sono molto più sensibile: NON C'È!
L'intera produzione musicale produzione è fodata sui filmati.
Le musiche da duneon sono buone, ma sono pochissime...gli esterni poi fanno veramente pena. L'intero comparto si doveva concentrare sui più campi di battaglia...queli che i giocatori avrebbero esplorato di più!

4- Filmati (Copio quanto già scritto).
Il primo filmato aveva un inizio anime, con stile miniature di pergamena antica. L'ho trovato geniale. Questa animazione ha dato un anima tutta sua al gioco. Un aura più medievale senza perderne in dark o magia.
Questo è stato il pensiero in quel frangente, al momento delle immagini in CG era lo sconforto. Inquadrature troppo veloci, situazioni troppo strane (parlo del primo ma vale per tutti i filmati).
Ma che ne è stato di quella Blizzard che faceva inquadrature più lunghe, silenzi più atmosferici, momenti d'azione dosata e studiata...non parlo solo di D2, guardate Warcraft 3, giuardate il sogno di Thrall e l'avvertimento di Medivh. Perchè quelle panoramiche qui non ci sono e quando ci sono durando mezzo secondo?
E non ditemi che Blizzard sta dando di matto che SC2 merita, anzi lo supera di gran lunga. Che c'era di male nel inventare una situazione misteriosa e inquietante, come il manicomio del 2? Ci sarebbe anche da parlarte della stranissima dinamica degli eventi: l'arcangelo che casca PROPRIO a Nuova Tristram e PROPRIO mentre loro erano li a studiare di questa storia, mentre cercano segni della fine del mondo (proprio in quel momento)...per tacere di Deckard Cain ottantenne che sopravvive a quella buca...

I filmati delle classi invece sono stati una piacevole aggiunta anche se avrei preferito una qualità uguale al filmato principale. L'unico appunto è che ogniuno dei filmati non dice nulla di significativo su come il personaggio sia arrivato li. Speravo qualche storia secondaria: il non poter personalizzare il loro aspetto esteriore, doveva portarvi a creare una storia secondaria per loro come se fossero stati dei personaggi veri e propri.
Questa storia poteva andare avanti con delle quest secondarie o con obittivi integrati nelle quest principali (uccidendo Re Leoric e trovi una pagina che ti serviva che serviva al tuo ordine, o qualcosa del genere)
A dire il vero avrei sperato per dieci storie (contando quindi maschili e femminili), giusto per non sentire maschi e femmine dire sempre le stesse cose.Un peccato. Il modo con cui l'estetica di ogni classe si differisce dall'altra per stile, personalità e cultura, era uno dei punti forti di questo gioco che li riallaccia ad sc e wc3, sulla caratterizzazione delle razze. Puntare su una loro storia secondaria (o quanto meno su dialoghi più differenti gli uni dagli altri) era un idea da seguire.

Filmati in gioco erano da evitare. Gli sviluppatori si dovevano rendere conto di limiti imposti dal motore grafico (cito la scena della fuga di Deckard Cain, dove gli scheletri sembravano "fermarsi ad aspettare" la caduta dei massi su di loro), e cercare di continuare la filosofia della narrazione continua all'azione.

5- L'atto IV
Rappresenta al meglio il fallimento del gioco come trama.
Diablo qui è un cattivo di serie B tipo Cortex, che continua a ripeterci che non potremo mai batterlo perchè lui è il Demone-sta-cepppa. La sua sconfitta inoltre lo rende patetico e privo di sostanza.
Ci avesse detto per l'Atto 4 cose tipo "Cosa credete di cambiare uccidendomi? Io vi rispetto Nephilim, mi avete già battuto altre volte...ma quante ferite mai rimarginate ho assestato a Sanctuarium ad ogni mia morte?...e ora spezzerò anche la Volta Celeste...i vostri mondi cadono a pezzi ad ogni ondata, mentre l'inferno rimane sempre lo stessa forza...forse combattete dalla parte sbagliata". Un comportamento del genere denota maggiore intelligenza a un personaggio fuso con sette poteri infernali e non lo fa sembrare un idiota che gli piace farsi ammazzare.

Ciò su cui si doveva puntare era mantenere la sensazione di sconforto, con Diablo che intesse le fila di ogni azione dei protagonisti, ma senza far sembrare tutto completamente inutile, ad esempio arricchendo la Pietra Nera delle Anime con altri elementi (Se la Pietra rimane sotto controllo degli angeli le essenze non riprendono forma). Insomma il male qualcosa tipo il male vince sempre ...ma anche io! :D
Altra cosa che avrebbe dato spessore, era quella di non far sembrare gli angeli degli emeriti sprovveduti, come qui appare. Anche qui si mostrano Angeli e arcangeli intenti a rimanere fissi in attesa di farsi ammazzare o che l'eroe risolva la situazione.
Sinceramente avrei preferito Angeli più freddi e spietati in linea con l'ambientazione (qualcosa tipo i Piani Legali e Piani Caotici di Planescape).
Gli ambienti poi li ho odiati tutti dal primo all'ultimo. Molto meglio le immagini di D3 del 2005.

Il Finale infine doveva essere pieno di presagi di sventura futura...e non festa per gli occhi, dove si dimentica caduti e disgrazie e il futuro male è appena accennato...Il dark è sempre la soluzione migliore per un hack 'n slash perchè non spezza con l'affrontare la difficoltà successiva e mantiene "gasati" per altre battaglie.
Aggiungo.
Dettagli che mi sono piaciuti:
-La pronuncia del nome Tyrael
-La sua trasformazione di Tyrael in uomo (gli angeli sono fatti d'aria)
-L'atto due e in particolare la poetessa, che mi ha ricordato alcune avventure grafiche.
-L'assenza di ambientazioni cretine come il Santuario Arcano (perdonabile se fosse in livelli più avanzati e impicciati tipo Paradiso o Inferno)
-Il libro di Leah nel filmato
-E Leah...in fondo è bellina. :)
-Visivamente belle tutte le classi...tranne il DH che non mi convince.
-Il gore
-Alcune battute del templare
Dettagli che non mi sono piaciuti
-L'assurdo blu nei posti oscuri.
-Zoltan meritava più cura nel finale
-L'immobilità dei personaggi (non che se ne vadano in giro...ma che siano fermi da una parte a far qualcosa!)
-Non poteva scomparire l'Arcangelo del Destino? Lui è quello inutile, no?
-Il Macellaio privo di alcun che messo come boss a sorpresa dell'atto uno (non poteva avere una mini storia più profonda, solo per lui?)
-Magda. Cain meritava di essere ucciso da personaggi meno insipidi...
-Trappole...soprattutto ad Areat. 0.0
-Ma alla fine...I MORTI DOVE FINISCONO? E CHI DECIDE DOVE VANNO???
-Troppa ironia nelle battute. Si doveva concentrare l'irriverenza su pochi personaggi e basta. Io avrei puntato il lestofante e lo sciamano (quello più originale nello stile, deve sempre essere ironico)
Odiare la trama no, però decisamente molte buone idee sprecate.

La parte relativa all'umanizzazione di Tyrael a me non è dispiaciuta. L'idea di un personaggio buono (parlando in d&dese nei 3 episodi Tyrael si comporta da neutrale-buono) che si ribella a una società legale-neutrale (con tendenze malvagie) come quella degli angeli non è male. Dimostra anche in fondo un coerenza del personaggio. Certo gli si poteva dare più spazio nella trama come alleato, sostanzialmente gli fanno fare da decorazione ed è un peccato.

Zoltun Kulle: la più grande occasione sprecata del gioco. Blizz ha lanciato in gioco una nuova visione del paradiso celeste molto poco politically correct (gli angeli neo-nazi che votano il genocidio degli umani e non si fà per il solo voto di Tyrael) e l'uomo che aveva capito tutto e lavorava per fregare sia il cielo che l'inferno.Il tutto buttato nel cesso con un combattimento di 2 minuti. Kulle avrebbe potuto tranquillamente essere usato come boss di un'intero atto o come alleato tenebrso. Aveva delle possibilità di trama stellari.

Ora pensate alla trama di un d3 con i due personaggi qui sopra che DEVONO veramente collaborare per salvare sanctuarium: Tyrael l'idealista che in fondo aiutando gli umani cerca anche di scuotere gli angeli dal cammino di distruzione e malvagità intrapreso e il cinico Kulle che non solo non si fida degli angeli ma mette in dubbio gli ideali dell'altro.

Occasione persa.

Adria: personaggio insulso, una cattiva da operetta. Pochissime spiegazioni sul perchè si allei a Diablo. Potere? D1, 2 e 3 dimostrano ampiamente che non serve affatto aiuto esterno agli umani per diventare potenti. Quindi perchè lo ha fatto?

Maghda: se l'avessero fatta meno petulante e avessero dato più spazio alla manipolazione fatta sui seguaci avrebbe potuto essere un cattivo coi fiocchi. Se pensiamo al mondo reale molte "sette" e "nuovi movimenti religiosi" portano con una sapiente opera di seduzione e manipolazione i propri adepti a fare cose allucinanti: suicidi, omicidi, furti, ecc, ecc. Maghda avrebbe potuto veramente essere un boss da paura: il cattivo che punta al potere politico ed economico, al controllo mentale delle masse (il che spiegherebbe anche perchè l'alleanza con Belial).... purtroppo l'hanno cestinata con "Nooooo! Belial mi vuole tanto e non mi tradirebbe mai!!"

per il resto continuo un'altra volta.
cosa salvo di Diablo 3? la grafica bellissima, il motore fisico e tante potenzialità assolutamente non sfruttate ma non parliamo della storia per favore che sembra un dettaglio.
Farebbero un favore alla saga, se lo chiamassero in un altro modo e lo riprogettassero daccapo come si deve....
Odiarla forse è eccessivo, ma certamente è stato l'ennesimo aspetto poco curato del gioco.

Parliamoci chiaro: Diablo non ha mai brillato per profondità della trama o per il lore, ma (soprattutto nel 2) era in grado in pochi filmati e dialoghi di tratteggiare molto bene un mondo cupo e decadente dove alla fine, nonostante le apparenti vittorie dei "buoni", il male trionfa sempre.

Ecco in D3 sono riusciti a perdere tutto questo: i filmati sono come sempre spettacolari ma ci sono talmente tanti buchi e lacune, tanti personaggi "sprecati" e tante situazioni buttate che l'intero evolversi della storia risulta a dir poco stucchevole.
Per non parlare del finale, dove "vissero tutti felice e contenti" nonostante abbiano lanciato il ricettacolo di tutto il Male dalla finestra senza alcuna ragione logica, giusto per lasciare aperta la possibilità di un proseguio/espansione.
Io vorrei che la blizzard mettesse le canzoni di d1 e d2.
Chris Metzen è stato croce e delizia per i titoli storici Blizzard.
A mio avviso l'apice della sua genialità si è manifestata con la storia di Arthas in Warcraft 3 e relativa espansione..carica di dramma, inevitabilità e sconforto. Una storia matura per persone mature. "Epica".
Diablo 2 pure c'ha regalato svariati brividi lungo la schiena (le cinematiche introduttive di D2 e LoD entrambe spettacolari!). Pure quella storia era degna di un pubblico adulto...
Da lì in poi Chris ha iniziato a far cilecca, stuprando il lore di tutti i "mondi" riscaldando lo stesso minestrone stantìo. A titolo di esempio porto il finale di Starcraft 2 pt.1. Imbarazzante.

Per quanto riguarda la storia di D3 non saprei dove iniziare da quanto in basso siano finiti..alcune aspetti sono stati evidenziati in questo thread, quelli che mancano potrebbero riempire un libro. Se dovessi riassumerla in due aggettivi sceglierei "stucchevole" e "infantile".

Cmq ora Chris se n'è andato. Onore a Chris perché è stato un genio, c'ha regalato grandi storie e ha in qualche modo plasmato la ns infanzia; non bisogna dimenticarsene..

Speriamo che d'ora in avanti il futuro di Diablo sia preso in mano da persone cazzute, pronte a compiere scelte coraggiose anche per quanto riguarda il lore: è assolutamente necessario venga ripristinata l'epicità matura, la memorabilità, il dramma.
Se mai ci sarà un D4 credo che ci sarà nel lore, ma anche come presentazione/ambientazione/etc, una brusca inversione di marcia rispetto al 3° capitolo. Mi sento fiducioso :)
Chris Metzen ha sbagliato ben poco con quello che aveva a disposizione in primis perché i villain sia in Diablo 3 che in SC2 erano veramente risicati per cui hanno dovuto inventarsi qualcosa su una trama già precostituita dai titoli precedenti. Non si poteva certo pretendere il capolavoro del Dark Fantasy su un gioco dove sono passati dieci anni tra il 2 ed il 3.
La trama di Diablo 3 è in certi nodi gordiani talmente ridicola da lasciarmi basito e pure un pò incazzato, perché di spunti validi ce n'erano eccome, ma credo che per amor di un più facile ed immediato profitto abbiano stuprato un titolo, una atmosfera ed una ambientazione eccellenti.
Premetto che non ero un giocatore di Diablo (gli unici titoli a cui mi son legato e a cui ho giocato sono stati i Baldur's Gate e i Neverwinter Nights), e che il mio primo titolo della serie a è stato questo Diablo III: prima - ed ultima - volta che comprai un gioco a scatola chiusa appena uscito, solo per via della nomea dei suoi predecessori... ci giocai per poco, poi lo abbandonai... e da lì cominciò un perpetuo tira e molla; nel mentre mi fu regalato un libro a riguardo del lore (il Libro di Cain) ed ora sto giocando al II (tutto un altro paio di maniche).

Concordando pienamente coi commenti di iilaiel e Tyrion, parto dal particolare che più mi fece sbottare, dall'incredibile banalità... appena vidi sbucare fuori il nanetto a corte scommisi con me stesso che era lui: Belial, il "Signore degli Inganni"... Nessuna prova da superare, nessuna astuzia diabolica, niente di niente... colpa qui anche del tipo di gioco che hanno impostato: ti viene già detto dove andare, scanna qualsiasi cosa si muova, vai al prossimo punto esclamativo, oh che sorpresona, il nanetto che insisteva tanto dal guadagnarsi la fiducia dell'eroe, era Belial, il "Signore degli Inett-inganni". Con un personaggio del genere ("signore degli INGANNI") potevano farci un gioco intero.
Senza parlare - come detto già da qualcuno - della stupidità di Maghda, che "NO! il Signore degli Inganni non mi tradirebbe mai!" ............. è il SIGNORE DEGLI INGANNI, chissà cosa potrà mai fare, eh?! Ingannarti?!?!?!?

Ma qui credo sia colpa mia, che casco dal pero pretendendo una alquanto elementare profondità psicologica dei personaggi, oltre che di una maturità di contenuti, mentre invece Diablo 3 è stato pensato per ampliare il più possibile lo spettro di acquirenti, ed hanno raffazzonato colpi di scena per voler presentare il titanico scontro del Primo Maligno, che come ben detto nei primi commenti:

"Rappresenta al meglio il fallimento del gioco come trama.
Diablo qui è un cattivo di serie B, che continua a ripeterci che non potremo mai batterlo perchè lui è il Demone-sta-cepppa. La sua sconfitta inoltre lo rende patetico e privo di sostanza."

Scompare completamente il più importante punto di forza di tutta la saga, ovvero che la macchinazioni dei demoni, e in special modo quelle di Diablo, generano eventi talmente catastrofici da rende vana la vittoria sul corpo del nemico abbattuto, e lasciano quella cupa sensazione di irrisolto, che qualcosa è sfuggito alla vista o alla mente degli eroi (perché frutto di opera diabolica) e quel qualcosa di tralasciato è foriera di sconfitta per il bene, e di vittoria per il male.
Ma ammetto che ho trovato l'espansione "Reaper of Souls" un pò più curata e intrigante per quel che riguarda la storia, ed il cattivo finale (Malthael)... ma ora che il Nephilim - praticamente Ainu reincarnato - ha sconfitto sia la somma di tutti i Mali che la Morte stessa, chi avrebbe da sconfiggere ancora? quale nemico potrebbe esser considerato un degno avversario? gli sviluppatori del gioco? Saranno altri nephilim, forse... ma vedo una corsa all'esagerazione che potevano risparmiarsi, per dosarla nella giusta misura... ora sembra Dragon Ball, dove tocca inventarsi un nemico sempre più assurdo da dare in pasto agli eroi.

Concludo concordando con iilaiel nel riconoscere un buon punto che ha dato un briciolo di profondità alla trama ed ai suoi attori:

"Blizz ha lanciato in gioco una nuova visione del paradiso celeste molto poco politically correct (gli angeli neo-nazi che votano il genocidio degli umani e non si fà per il solo voto di Tyrael)"

Si può solo incrociare le dita per il futuro (ma non riporre particolari speranze): Diablo 3 ha comunque ancora potenzialità da poter sviluppare e sfruttare, e a livello di game play in fondo non mi dispiace... solo che sale la frustrazione a vedere che han combinato con le premesse che avevano a disposizione.
Devono darci sotto coi dialoghi, la storia e le atmosfere.
Chris Metzen ha lavorato al Lore di Diablo I , Diablo II e Diablo III, già non c'erano villain dopo il 2 cosa volevi inventarti. Hanno ripiegato con i luogotententi di azmodan inspirandosi ai 7 peccati capitali :
Cyadea : Maiden of lust. Signora della lussuria.

Ghom :Lord of Gluttony. Signore dell'Ingordigia

Vidian, Lord of Envy. Signore dell'Invidia

Greed, Baroness of the Treasure Realm. Signora dell'Avarizia

Zaboul, Lord of Wrath. Signore dell'Ira

, Lord of Sloth. Signore dell'Accidia

Lord of Pride.Signore della Superbia

La meccanica di narrazione è sbagliata non la storia in se per se . L'horadrim rinnegato ci sta, un culto demoniaco come la confraternità è una scelta azzeccata certo Magda con le alette terribile come capo Confraternità. Ripeto pero che passati 10 anni io non vedo tutta questa libertà di scelta. Meno ancora ne avrebbe Diablo 4 considerando che con la distruzione della pietra della anime , non si sa ancora se solo Diablo è libero con l'assimiliazione dei 7 , o tutti e 7 sono di nuovo liberi per Sancutary e su questo vedremmo in futuro visto che ora Metzen è in pensione. Criticate i dialoghi non le idee.

Tra l'altro leggevo nei commenti che si apprezzava l'anime di Diablo il cortometraggio anche quello scritto da Chris Metzen come per dimostrare che la storia era passabile ma la narrazione lasciava a desiderare.

Unisciti alla conversazione

Torna al forum